lunedì 27 aprile 2009

Sempre rotoli....

Oggi era il giorno della raccolta della carta...
e sinceramente ero stufa di vedere quei rotoli vuoti in fila sul termosifone... e li ho buttati ma primaaaa
ne ho presi due in mano e li ho messi davanti agli occhi....

"questo è un buffo cannocchialeeeee. .. per vedereeeee da lontanoooo"....

Una volta l'ho fatto, ho radunato molti rotoli lunghi e corti li ho messi insieme con del nastro adesivo..... e ho fatto dei cannocchiali....
quando i bambini sono arrivati e li hanno visti...
qualcuno li ha presi e li ha rotti (come faceva con tutto)
qualcuno ci ha infilato le mani dentro
e qualcuno ha cominciato a guardarci dentro :P

prova.....basta poco che ce vo???


Un altra volta ho sparso per la stanza.... SOLO QUESTI CILINDRI DI CARTONE ( lunghi, corti, larchi ecc) dei lacci lunghi di raso....o corda tipo marinaio e delle palline (quelle che di solito vanno nella piscina) mettendo via tutto il resto...
è stato interessante vedere come ogni bambino in base alle sue capacità sfruttava gli oggetti a disposizione...
c'era chi guardava dentro
chi faceva correre le palline nei tubi
chi raccoglieva tutte le palline :P
chi metteva in fila i lacci....
chi usava i tubi come se fossero ruote del camion....

durante queste sedute di gioco euristico* è importante fermarsi ad osservare per modificare la volta sucessiva la situazione o renderla piu' corposa...


*IL GIOCO EURISTICO (in breve ma molto breve)
Il gioco euristico fu ideato e diffuso dalla pedagogista inglese
Elinor Goldschmied e viene proposto ai bambini della fascia
d’età compresa tra il primo e il secondo anno di vita.
Tra i principali obiettivi di tale gioco troviamo:
- incoraggiare l’uso della creatività;
- stimolare la sensibilità al tatto tramite l’uso di oggetti di
materiale diverso;
- abbozzare un primo processo logico attraverso la
suddivisione per categorie e l’utilizzo del materiale offerto
in più varianti.
Durante l’attività l’adulto interverrà raramente e solo per
rassicurare e ricreare il centro di interesse. Dovrà tutelare
l’attività di ogni piccolo intervenendo discretamente e
riaccompagnando al suo posto chi “irrompe”
nell’organizzazione di chi sta lavorando tranquillamente.
Utilizzerà raramente espressioni verbali e cercherà di
supplire il suo movimento attraverso sguardi, sorrisi, ecc.


Link Utile : Sempre da Mammafelice che si rifà al blog di Paola
Questo castello fatto con i rotoli può essere facilmente creato, colorato con l'aiuto dei bambini piu' grandi...
è evidente che per non creare conflitti bisognera costruire piu' castelli oppure castelli un pò piu grandi :)

4 commenti:

  1. hai ragione!! basta poco per stimolare la fantasia dei bambini!!!
    me li immagino alle prese con i rotoli di carta!!

    ciao
    elisabetta

    RispondiElimina
  2. purtroppo nn tutti se ne rendono conto :P

    RispondiElimina
  3. Il tuo sito è bellissimo ed utilissimo!! A presto
    Paola HMM

    RispondiElimina
  4. Grazie Mille Paola :P cresce e migliora grazie ai vostri commenti

    RispondiElimina

^_^ benvenuto