La vocazione...

Oggi è arrivata la solita telefonata, quella inequivocabile...
"ciao S , Ale è sveglio che lo voglio vedere????"
e allora gioco di astuzia.... invece di lasciare venire i suoceri da me (anche perchè danno un minimo di preavviso ...tipo che son già in strada....quando chiamano) vado io da loro...in modo tale da poter decidere l'ora di inizio e di fine della visita...visto che cmq non è con me che vogliono interagire...
Cosi...davanti ad un caffè mi chiedono se Ale ha iniziato il nido...loro ovviamente hanno sempre votato N/I
sopratutto mia suocera se ne esce con frasi scherzose quanto infelici....
"ma guarda i tuoi genitori che TI MANDANO AL NIDO"..."ma povero il mio bambino " "ma chi gli darà da mangiare???"

Queste frasi mettono in luce tante cose :
  • l'asilo nido è visto come un luogo infimo e malfamato dove il bambino è in pericolo di vita...dove non viene sfamato...dove l'ignoto regna sovrano
  • i miei suoceri evidentemente non riflettono sul fatto che se faccio l'educatrice di professione e se son tornata a lavorare quando Ale aveva cinque mesi un motivo ci sarà..Amo e credo nel mio lavoro , ma loro non mi hanno mai chiesto niente in merito... mi viene da pensare che vedano il mio lavoro come un mero modo di percepire uno stipendio (misero tra l'altro)
  • mette in luce il fatto che non hanno fiducia in me come madre...
  • che non mi ascoltano...
  • che non si rendono conto del fatto che se faccio frequentare al mio bambino la struttura nella quale lavoro è perchè ritengo sia valida a tale scopo...

Queste affermazioni di oggi hanno rafforzato alcuni miei pensieri...
Alessandro deve stare in un luogo adattato a lui...dove puo' muoversi liberamente, dove puo' giocare con tutto quello che c'è a disposizione perchè  adatto a lui, dove puo' far esperienze che a casa non sarei in grado di ripetere...per voglia, per tempi per spazi...
Che Alessandro deve respirare l'arietta pusssolente di formaggino  dei suoi simili , l'odore della tempera o della pasta di pane...e non l'alito a volte pesante di un adulto che continua a stargli troppo addosso...o che ha appena fumato una sigaretta e che per egoismo...fa finta di niente
Oggi ho capito che sono piu' brava come educatrice che come madre... che fare la mamma cici'coco' a tempo pieno non avrebbe fatto per me , che prima o poi mi sarei stancata , avrei sbottato...sarei sclerata....che fare la mamma smielata non fa per me...
Io sento di dover offrire il mio essere educatrice a tanti bambini....e che per Ale devo essere "solo" la sua mamma...
che lo ama, lo adora, che le prepara i giochi strani...ma che ha anche bisogno della sua indipendenza...
e lui della sua... Alessandro non è mio (ne tanto meno dei nonni ecc ecc) è di se stesso...è vero è stato nella mia pancia ma io lo sto solo aiutando a vivere al meglio...
e per me sarebbe solo una forma di egoismo o di esaltazione del mio ego, affermare il contrario...

oggi mi son resa ancora piu' conto che tanti parlano senza conoscere.... ma che per fortuna ci sono le eccezzioni (non amo chi parla male dell'asilo nido senza sapere nulla in merito o che si basa sui sentito dire)
vedi la mamma del bambino che sto inserendo, che mi da fiducia, che nonostante il suo lavoro partime porta in bambino al nido perchè possa vivere tra i suoi simili nel suo ambiente e che crede in questa forma di educazione..

Io non ho nulla contro i nonni e so bene che non tutti possono permettersi l'asilo o ne hanno l'esigenza...
pero' potendo scegliere, per quanto siano fantastici i nonni di Alessandro...100.000 mila volta meglio il nido, ma non per fare un torto a qualcuno sia chiaro, semplicemente per fare del bene a lui!
(per la cronaca...non so come affrontero' e vivro' questo suo inserimento...per ora continuo a non pensarci)

Sara

Commenti

  1. Concordo con ogni singola parola!
    Devo ritenermi fortunata, i miei suoceri non sono mai stati contrari al nido, anzi mia suocera è favorevole.
    Non ho avuto una bella esperienza di inserimento, Lucia ha pianta tanto, è stata inserita da una supplente che dopo poche settimane se nè andata, poi subito dopo è nato il fratellino, insomma ... non è stato un gran inserimento.
    Sono rimasta molto soddisfatta del nido, anche se le ho fatto fare solo l'ultimo anno, più che per necessità proprio perchè lo ritenevo valido.

    RispondiElimina
  2. Io non sono del tutto d'accordo, ci sono bimbi che stanno benissimo con i nonni. Nonni che magari abitano fuori città o hanno un bel giardino e possono lasciare giocare i bimbi all'aria aperta, nonni che portano i bimbi a giocare al parco e che fanno il cavallo per far giocare i nipotini. E ci sono anche bimbi che sono molto socievoli, che vogliono stare in mezzo ad altri bimbi dalla mattina alla sera, come il mio cucciolo, per loro il nido è l'ideale. Il mio bimbo ha iniziato a frequentare il nido a 12 mesi, io lavoro part time e i nonni non erano disponibili. E' stata un'esperienza meravigliosa! Ho pianto nel salutare le maestre che hanno accudito il mio piccolino con amore e ancora mi dispiace tantissimo di non vederle più. Di non scambiare due chiacchere con loro la mattina e dopo pranzo. Di ascoltare con il sorrido i racconti delle marachelle che aveva combinato il mio Topino. Certo il nido è piuttosto caro... E comunque tu sei la mamma e tu devi decidere per il tuo bimbo. I nonni che fanno battutine mi sono un pochino antipatici.

    RispondiElimina
  3. Pollon, come ho scritto non ho nulla contro i nonni anzi.Mio papà si porta Ale a spasso in passeggino, in bici, gli ha sistemato la mia vecchia antalena....lo cambia, gli da da mangiare...è un ottimo nonno e so che ce ne sono tanti....ma io parlo per me...io preferisco , potendo, che a lungo termine vada (nel mio caso venga ) al nido per mezza giornata...che abbia regola che ad esempio mio papà dal cuore tenero non riuscirebbe a dargli!
    per il resto...w dio che esistono i nonni!!!

    RispondiElimina
  4. Si, si, avevo capito che non avevi nulla contro i nonni. Sulle regole sono d'accordissimo. I nonni, almeno io non ne ho conosciuti di questo genere, non riesco assolutamente a dir di NO ai bimbi. Qualunque sia la richiesta..

    RispondiElimina
  5. Mi trovo molto vicina al tuo punto di vista! Anch'io sento spesso parlare male del nido (ma anche della Scuola dell'Infanzia) e la cosa m'infastidisce. Hai scritto dei pensieri equilibrati fra il tuo essere mamma e il mestiere di educatrice... complimenti!

    RispondiElimina

Posta un commento

^_^ benvenuto

Post popolari in questo blog

Ansia

Week end

Sondaggio