mercoledì 12 febbraio 2014

A volte sarebbe meglio entrare nella vita degli altri in punta di piedi

Non sono una fanatica di niente, devo averla già scritta questa cosa.
Non faccio collezioni, non ho fisse, non sono una fans sfegatata di nessuno, amo ma non osanno, adoro ma non bramo! Non sono assolutista in niente, non mi sentirete mai incazzarmi perchè qualcuno non ha i miei stessi (vari) gusti musicali. Passo dall'ascoltare il metal alla musica ambient in pochi minuti. Mi piace emozionarmi con la musica, ma se uno dei miei cantanti preferiti non canta bene non lo difendo a priori.Non leggerete mai frasi assolutistiche sull'asilo nido, non vi dirò mai che l'asilo nido è essenziale nonostante io creda in questo tipo di servizio, nonostante io ami il mio lavoro. Non userò mai un tono saccente nel dire una cosa solo perchè sono certa di quello che dico.
Mi arrabbio solo qualche volta quando le persone parlano per verità assolute, quando mettono i puntini  sulle i parlando di  cose per sentito dire, quando si atteggiano a gran maestri.

Una cosa in questi anni di blog, di mammitudine, di cambiamenti, di evoluzioni mammesche, di decrescita, di autoproduzione... di di di  tutto, una cosa sola mi ha sempre mandato in bestia ed  è stata l'incontro con le varie mamme talebane. Il talebanesimo è una cosa che mi fa increspare maggiormente i capelli sopratutto se messo in atto su mamme che chiedono consigli.
Un giorno in un gruppo su fb mi sono permessa di consigliare ad una mamma in crisi con l'allattamento di provare dei paracapezzoli...come avevano suggerito a me all'ospedale le infermiere del nido quando è nato Ale , l'ho fatto come se fosse un'amica a cui mettere una mano sulla spalla... nemmeno il tempo di dirlo è entrata a gamba tesa una talebana della lega della tetta quasi cazziandomi perchè quelle cose immonde si danno solo sotto controllo della nasa. Questa qui poi ha una foto profilo che sembra proprio la signorina rottermaier. Comunque questo è solo un esempio, un esempio per chiedere con il cuore in mano a quelle mamme che hanno la fortuna di essere molto afferrate in varie materie (come allattamento, autoproduzione, pannolini lavabile ecc ecc ecc) di essere umane, di essere mamme, di essere persone, di ricordarsi di essere state a loro volta forse qualche volta in difficoltà e di porsi con il prossimo con un atteggiamento amichevole , familiare e di conforto prima di tirar fuori la bacchetta di saggina e gli occhiali da mettere sulla punta del naso. Noi donne dovremmo supportarci e non usarci vicendevolmente per dimostrare al prossimo quanto sappiamo e quanto siamo brave!

2 commenti:

  1. Concordo, Bieto, anche perché puoi imparare sempre cose nuve tenendo la mente aperta e i modi gentili.
    Nessuno ha la verità assoluta, diglielo mo'a quella talebana la.
    Così, per spiegarle che si entra in punta di piedi, nella vita di wualcuno che non conosci.
    Un abbraccio, Gi

    RispondiElimina
  2. Sono d'accordo. Quelle persone lì ti fanno perfino quasi sentire in colpa per aver solo pensato di fare alcune pazzie come, appunto utilizzare il paracapezzoli.
    In quei momenti lì, vorrei tanto fare a cambio con loro... chissà se hanno provato cosa vuol dire...

    RispondiElimina

^_^ benvenuto