Ogni giorno una conquista

La prima volta in cui Alessandro ha affrontato una situazione particolare e nuova senza genitori aveva due anni, è uscito da una sala operatoria con un'estranea, un'infermiera! Poi a  quasi tre anni è uscito questa volta dal caldo mondo del nido a piedi assieme ai suoi compagni , alle educatrici e al vigile e percorrendo cinquanta metri a piedi si è ritrovato a visitare una scuola dell'infanzia.
Situazioni  ben diverse da quella vissuta martedi.
Era un po' che le maestre li preparavano, sarebbero andati in pulmino a teatro a vedere lo spettaccolo dei tre porcellini. Alessandro da un po' mi diceva "io non ci voglio andare, senza genitori non mi diverto " (io volevo dirgli "ne riparleremo quando avrai 15 anni ")!
Il giorno dello spettacolo al mattino voleva rimanere a casa, aveva paura che le maestre lo lasciassero solo da qualche parte. Aveva come sempre delle valide scuse per andare :)
Mi faceva tenerezza e se fossi stata una mamma apprensiva l'avrei sicuramente tenuto a casa...
Poi al mattino ho parlato con la maestra, era un sentimento comune tra molti bambini , quello di Alessandro.

Ammetto che ho avuto la fortuna di avere tra le mie amiche l'autista dei pulmini, che in diretta mi raccontava un po' la situazione. Per strada ho incrociato anche il pulmino di Ale  e pensarlo su quel pulmino ,senza di me, anche se per un km mi si è stretto un po' il cuore...poco.

Si è divertito, mi ha confessato che era un po' triste all'andata ma che la maestra lo ha consolato. Era davvero entusiasta al pomeriggio, bravo piccolino, ogni giorno è una conquista :)


Oggi è la giornata delle mattie rare,  anche in questo ambito sono state fatte delle conquiste, ma non bastano, bisogno continuare e per continuare la ricerca ha bisogno di tutti noi ...


Commenti

  1. Cucciolo, crescerà e prenderà la sua strada, ma per ora coccolatelo tanto tanto tanto!!!

    RispondiElimina
  2. sai che la mia Michelle ultimamente ha sempre paura di rimanere da sola
    quando sono in casa mi chiama e mi viene a cercare, se scendo in lavanderia mi segue, alla notte vuole dormire nel mio letto
    se la sposto nel suo si sveglia a metà notte e con il terrore addosso mi chiama spaventata e si riaddormenta solo accanto a me nel lettone

    al mattino prima di andare a scuola spesso si lamenta di mal di pancia o mal di testa

    Tu pensi che sia solo una fase momentanea?
    Non riesco a capire cosa abbia scatenato in lei queste paure

    ho provato a parlarne alle maestre ma mi hanno risposto che a scuola è allegra

    bello questo post che parla dei piccoli progressi del tuo bimbo che sta crescendo
    ti mando un bacio e se hai dei consigli da darmi sarò felice di leggerli, bello scambiarsi consigli da mamma a mamma Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono fasi, anche Ale ha avuto un periodo da cozza ma era dovuto ad un intervento chirurgico, c'è stato qualcosa di particolare in questi giorni??? Nell'ultimo periodo?

      Elimina
  3. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  4. Quando i miei figli erano piccoli, mi chiedevo come avessi affrontato la loro indipendenza. Quest'anno le maestre di terza hanno deciso che staranno in gita un giorno intero, senza genitori solo loro e i bambini. Io il mio lo ritengo abbastanza indipendente, anche perché in una famiglia numerosa come la mia non si può non diventarlo un po' prima, credo che sia normale.
    Ma alcune mamme si sono rivoltate, hanno dissentito apertamente.
    La fiducia che uno si prende è quella che gli si da, ho concluso. Baci. Gi

    RispondiElimina

Posta un commento

^_^ benvenuto

Post popolari in questo blog

Ansia

Week end

Sondaggio