Post

Visualizzazione dei post da Aprile, 2014

Giulia's intervew :Bietolina in Olanda

Immagine
Ho atteso con trepidazione il ritorno di Bieto dal suo viaggio in Olanda, perché ho un po' la sindrome dello"zio d'America",  ovvero di stare a bocca aperta quando le persone a te care ti parlano di luoghi visitati, di viaggi e di persone conosciute.
Così,  messaggiando ci siamo dette che una intervista sarebbe stata un bel modo di raccontare questa esperienza.
Immaginatemi con taccuino e penna (meglio stilografica, anche se sono mancina) , a prendere nota delle parole di Snijbiet (Bietolina in olandese). Gi- Chi ti ha invogliato a visitare e chi ti ha accompagnato alla scoperta di questa terra così " originale"? Insomma , di solito si decide Londra, Parigi, Vienna...perché Olanda? Nel 2007 Luca ha lavorato per cinque mesi in Olanda, me ne ha sempre parlato molto bene, ma è stata un'idea sua, un regalo suo, ha organizzato tutto lui avendo capito che forse mi sarebbe piaciuto fare questo viaggio e aveva decisamente ragione! Gi- Come ha reagito al viaggio …

Conoscete questa macchinetta???

Immagine
Questa macchinetta era presente nel supermercato olandese dove siamo andati un paio di volte, tu portavi le bottiglie vuote, acqua, succo ecc e la macchina ti rilasciava uno sconto da spendere nel supermercato ! Semplice ed efficace.

Ma sua figlia a casa parla? by Giulia

"Ma a casa, con voi, parla la bambina?".
E giù,  a rispiegare che Cami ha SOLO uno stato d'ansia.  Che a casa è normalissima.
Poi come ogni volta, non richiesti, arrivano consigli ed esortazioni.
"Dovete spronarla".
"Dovete farle capire che DEVE parlare".
"Ma non è seguita da qualcuno? " .
"Ti do il numero di uno bravo".
Rispondo sempre nell'ordine: lo so, lo so, si, no grazie.
Ma che fatica!
Vorrei che la gente capisse.
E se non capisse, che rispettasse.
Un giorno il mio pediatra era assente, e al suo posto ho trovato una dottoressa.
Non conoscendo la situazione di mia figlia le ha chiesto come si chiamasse, e dopo il silenzio di Cami , rispondo io:"Si chiama Camilla".
Lei si volta verso di me, toglie l'occhiale con fastidio e risponde secca:" Ho chiesto alla bambina! ".
Poi prosegue: "Dai STUPIDINA, il gatto i ha mangiato la lingua? "....
Per fortuna l'infermiera l'ha distratta e la …

Cerimonie di ( e in ) famiglia - la teoria del figlio unico

.... Mentre i miei livelli epatici salgono alle stelle si avvicina questa comunione. Direi anche  a passi da gigante.
E sempre più sono certa di nonnsopportare le persone che si complicano la vita.
E me ne trovo ovunque, in qualsivoglia punto cardinale posi lo sguardo. E rivaluto ogni giorno relazioni con persone che non conoscevo.  O con quelle che credevo di conoscere!
Per fortuna tra tante cose che vanno così, alla "gigiona"... anche le belle persone si scoprono.
Ad ogni modo, mi meraviglio di quante persone (o meglio, leggi "mamme") si ostinano a non considerare il proprio figlio di quasi nove anni un piccolo ometto. Una mia amica sostiene che potrei benissimo farci un libro sulla mia teoria del "figlio unico". Vado a dare una rapida delucidazione. Premetto che naturalmemte non è una regola scientifica...  ma solo una constatazione di come certi bambini vengon su.
(Poi se per voi sbaglio o se solo volete dire la vostra, a calce c'è del posto …

Un vecchio e amato post :)

14 giorni di vita insieme (un post preso dal mio vecchio blog) NNon  è da molto che mi sento piu' leggera...sono solo un paio di giorni...
perchè da quando Alessandro è nato siamo andati già altre tre volte in ospedale.... a controllare il peso....perchè Alessandro nato 3.200kg ha avuto un bel calo...
Un pò per la sua pigrizia, un pò per la mia non possibilità di attaccarlo subito al seno...
Non è facile vedere un infermiera che te lo porta via e lo pesa e sentirlo piangere di la da un vetro.... Non è facile non piangere di fronte alla pediatra che ti dice "è calato ancora", non è facile non urlare in faccia a TUTTE LE PERSONE CHE TI CHIEDONO " MANGIA???" "CRESCE???" "GLI DAI IL TUO LATTE??????????'"
Nessuno che ti chieda "come stai Sara????!" stranamente solo le persone che non mi conoscono ,della blog sfera, lo fanno!!!....
Per fortuna LdP mi è vicino e mi supporta, per fortuna mia mamma e mio papà sono eccelsi....

Ora Alessandro ma…

La domenica dello sbaracco (ovvero le mirabolanti e normalissime avventure nel mondo di Gi)

Immagine
Ammettetelo, tutte prima o poi avete"consumato" una delle vostre domenice nel modo più costruttivo e deleterio che esista: le mega pulizie, la tinteggiata quinquennale, il riarredamento di una stanza, se non di diverse parti della casa.
Questa volta è toccato a me, e nella fattispecie nella zona "stanza dei bambini".
Non avendo una casa enorme i miei figli hanno una stanza comune. Grande,  ma una sola. E loro sono tre, ognuno con gusti e passatempi diversi,  quindi pensate un po voi. La Santissima Trinità. Vi elenco come si è svolto il mio week end, giorno per giorno. Sabato pomeriggio: decluttering giocattoli degli unni,tolgo tutte le scatole e gli scatoloni,  i contenitori e i pensili dalla cameretta e li porto nella mia , di stanza da letto, che chiamasi stanza da letto perché ci trovi UNA stanza, UN armadio, UN letto. Punto. Domenica mattina: nuovo look ad una delle pareti della stanza,  che dovrebbe ospitare una nuova struttura letto -armadio, news arrivata…

Responsabilità

Immagine
Ale, solo mezz'ora prima di questa foto si era arrabbiato, arrabbiato per un'incomprensione che l'ha spinto a sedersi a terra davanti l'entrata del parco. Quando il papà non c'è lui è fragile. Non da mai grossi segni di cedimento, magari a scuola le maestre lo trovano triste e un pò nebuloso, ma solitamente tutto il suo malessere lo sfoga con la rabbia che spesso scarica addosso a me anche per delle sciocchezze. Non è sempre facile gestire le sue giornate,  cerco sempre di contenerlo, di non sgridarlo troppo, di dargli piu' attenzioni. Di fargli fare cose divertenti. Dopo due settimane il suo papà ritorna e lui è nuovamente felice. Ma come fanno quelle mamme con mariti o ex mariti completamente assenti per un motivo o per l'altro? Il figlio di una mia amica soffre tantissimo la nonpresenza del padre, che preso da un'altra famiglia, gli dedica poco, pochissimo tempo. Perchè far soffrire cosi i bambini? Me lo chiedo in continuazione...



Cerimonie di ( e in ) famiglia - ESSU', PREPARIAMO LE BOMBONIERE!

Immagine
Ma perché tutte le mamme mi guardano male quando dico che ho deciso a prescindere che avrei preparato io le bomboniere per la prima comunione di mio figlio, un po'(tanto) per motivi di carattere economico, un po' perché mi piace gigionare, e....si',un po ' per mettermi alla prova?   Quindi in realtà i mesi scorsi sono stati un brainstorming ,un cercare idee, e un consultarmi con Bieto per capire se queste erano fattibili , visto che lei ha sicuramente più esperienza di me con i lavori manuali.
..ad ogni modo, da Pinterest ho avuto più e più input veramente carini.  Ne ho vagliato qualcuno anche pensando che sarà la volta di Camilla e di Emma, nei due anni a venire!
Liberamente tratti da un blog francese, sto confezionando dei sacchettini con tela juta a pois bianchi e tulle, che in un secondo momento provvederò a rifilare con forbice zigzag.  Pensavo di applicare ,per completare il sacchettino, una croce in legno d'ulivo. Tommaso ha insistito, e anche io avrei op…

Da tappettino a ciondolo , leggeri ciondoli quasi estivi ecocrafttour di Aprile

Immagine
Eco craft tour di Aprile...GIA' AD APRILE SIAMO???
Per questa tappa abbiamo pensato di creare dei "gioielli" usando del materiale di recupero..
In questo ultimo periodo ho prearato vari portachiavi per il mercatino dell'associazione che seguo utilizzato materiale di recupero procurato dal marito della mia collega/volontaria in una fabbrica di materiale plastico. Avete presente quei materassini da palestra??? Ecco quelli, questo materiale mi ha molto stimolata .
Cosi ho pensato di usare lo stesso materiale per questa tappa dell'ect, ma invece di utilizzare il materiale vero e proprio ( magari usando la big, si ammetto che ci avevo pensato, ma mi sembrava troppo semplice come idea avendo appena fatto i portachiavi) ho pensato di usare una piccolissima parte dei tanti scarti prodotti.
Ho pensato di creare dei ciondoli un po' estivi, ciondoli riproducibili anche con i bambini, ciondoli che lasciano largo spazio all'immaginazione




Per tagliare questo materiale