domenica 30 ottobre 2011

Amore per il giardinaggio

Alessandro ha una mamma che ama tutto cio'che è verde...
tutto cio' che è evoluzione in senso vegetativo...
che ama i bulbi
che ama...trasmettere questa passione anche ai bambini che incontra lavorando al nido...

continua a leggere

venerdì 28 ottobre 2011

Glia Animali selvaggio ...un libro amato da Ale (aggiornato)


Questo librone
lo avevo comprato ad Alessandro l'inverno scorso alla  fiera del libro del paese... e non lo aveva mai degnato piu' di tanto di uno sguardo...aveva solo seminato i poveri animali in giro per la casa... 
L'altro giorno invece... mentre eravamo al piano superiore...l'ha preso dalla sua cameretta, si è seduto al centro della mia stanza...e ha cominciato a girare le pagineincuriosito e senza che io gli dicessi nulla ha iniziato ad incastrare gli animali nei giusti solchi...
Purtroppo non avevo nemmeno un telefono a portata di mano ma l'impegno e la semplicità con il quale Ale, pagina dopo pagina collocava gli animali era disarmante...
Gli animali sono fatti in modo da avere due faccee uguali e speculari. Questa cosa in un caso lo ha spiazzato tanto da arrivare a dirmi "mamma no rieso".
Quando gli ho mostrato che gli animali avevano due facce...si è rasserenato e rimesso all'opera.
Tanto che proprio oggi era molto contrariato dalla mancanza di alcuni soggetti che lui stesso ha seminato...
Dove sarà la povera giraffa??? E il povero elefante???
"Dov'è mamma, dov'è???"
Questo libro si presta ad essere  a mio avviso un bel regalo, inquanto è un libro bello, grande, stimolante  e interattivo.

(il giorno dopo)

Oggi invece Ale mi ha dato la possibilità di fotografarlo ^_^
E' venuto a richiamare la mia attenzione...
aveva finalmente ritrovato la giraffa...
Adesso mancano il leone..e...l'ippopotamo!

giovedì 27 ottobre 2011

Sto cercando di fare ordine...almeno ci provo (due nuove sezioni)

In questo ultimo periodo mi è venuta voglia di fare ordine...
Di distinguere i post che parlano di idee riciclone... mettendole QUI
da quelli che parlano di attività specifiche per i bambini che mettero' QUI
mentre nel primo caso si tratta di riportare i post e metterne di nuovi, nel secondo caso sto riprendendo in mano i post cercando di migliorarli dove possibile o arricchirli...
Chi me lo fa fare non lo so...ma era un'idea che avevo da tempo...
Nel nido di Ale resteranno comunque un po' tutti i post, magari piu' personali, i racconti, i post che cmq ci sono già...
Per ora le altre due sezioni sono work in progresss ma ci sono! :)))


Se avete idee
suggerimenti
desideri
non avete che da chiedere....

mercoledì 26 ottobre 2011

Inno alla vita

Alessandro questa sera si è addormentato tardissimo
abbiamo riso e scherzato nel lettone
sentirlo ridere di gusto mi arricchisce
Nel mi son sentita fortunata toccandogli la mano
mi sono goduta i nostri attimi
attimi  che adesso sono molto rilassati 
che non voglio dare per scontati
attimi che fino a qualche mese fa non mi godevo appieno ...attimi che mi perdevo!
 Da quando non lavoro piu'...la mia vita è migliorata, meno ansie, meno nervosismo, piu' lentezza mi godo con calma il mio bel biondo che comunque al mattino va al nido...e mi lascia del tempo per me!
Un bimbo che quando mi vede è felice...un bambino che sta crescendo con pienezza...e che merita di crescere al meglio come tutti i bambini....

In questo momento sto guardando Matrix...
sto guardando il racconto di una vita spezzata raccontata con gran amore da due genitori magnifici
che hanno trasmesso dei valori veri e genuini al proprio figlio...che l'hanno seguito senza riserve nel percorso della sua vita..
una vita senza rimpianti
Genitori che hanno amato e rispettato il figlio sempre....hanno amato il suo talento...il suo desiderio di vivere...
Genitori che hanno fatto sbocciare un fiore bellissimo
Questi genitori mi stanno facendo riflettere....
Siamo tutti davvero pronti come genitori a seguire e a supportare nel bene e nel male nostro figlio???
Siamo pronti a nascondere e a mettere in secondo piano le nostre paure?
Siamo pronti ad assecondare sempre quello che sono o mostrano di voler essere???
Siamo pronti a mettere da parte quel senso di possesso che a volte ci rapisce???

Io spero che la morte di Marco e che la sua popolarità sia di aiuto...
che l'amore dei suoi genitori sia stato letto appieno...
che possa essere un veicolo...per tanti ragazzi e per tanti genitori
e che i suoi genitori non siano seguiti e osservati solo con l'occhio  curioso del guardone
ma che siano presi come esempio di vita...di vita da trasmettere...
Spero che quello che è successo...che questo evento mediatico...
possa trasmettere in qualche senso..l'amore per la vita 
la passione per vivere al meglio con genuità e spontaneità...

Ho letto qualche polemica oggi...
le solite polemiche sterili "eh se ne parla tanto perchè era famoso, tanta gente muore e non se ne parla....."
cazzate (per oggi  e solo per oggi si puo' dire una brutta parole sul nido di ALe) ... se ne parla perchè Marco era davvero, per assurdo una persona terrena, una persona che non ha mai voluto apparire una persona...senza maschere, una persona vera, genuina  e vitale...una persona con un gran amore per la vita... la sua...come vorrei diventasse Alessandro


Ciao Marco... nonostante tutto continuero' ad amare le moto sappilo :)





I vostri figli non sono i vostri figli.

Sono i figli e le figlie della brama che la Vita ha di sé.
Essi non provengono da voi, ma per tramite vostro,
E benché stiano con voi non vi appartengono.
Potete dar loro il vostro amore ma non i vostri pensieri,
Perché essi hanno i propri pensieri.
Potete alloggiare i loro corpi ma non le loro anime,
Perché le loro anime abitano nella casa del domani, che voi non potete visitare, neppure in sogno.
Potete sforzarvi d'essere simili a loro, ma non cercate di renderli simili a voi.
Perché la vita non procede a ritroso e non perde tempo con ieri.
Voi siete gli archi dai quali i vostri figli sono lanciati come frecce viventi.
L'Arciere vede il bersaglio sul sentiero dell'infinito, 
e con la Sua forza vi tende affinché le Sue frecce vadano rapide e lontane.
Fatevi tendere con gioia dalla mano dell'Arciere;
Perché se Egli ama la freccia che vola, ama ugualmente l'arco che sta saldo.



--
Sara

martedì 25 ottobre 2011

Un bel viaggio va in qualche modo celebrato...


Essere disoccupata ha qualche vantaggio...
il tempo un po' aumenta
cala lo stress...eccome se cala...
In piu' quando ti viene un'idea volendo puoi metterla subito in cantiere, sopratutto se è piccola e veloce...
Questa mattina ho preso uno dei biglietti che ho usato per poter fare il viaggio verso Bologna  di sabato scorso e ne ho ricavato....una piccola decorazione/ricordo :) Io , ammetto di aver tenuto molti biglietti di viaggi importanti ma sta volta volevo....conservarli in modo creativo!
La decorazione di per se è facile e veloce...
Con un biglietto ne escono circa tre...penso che ne faro' altre e le appendero' all'abero di Natale...perchè l'amicizia è un dono e sabato scorso ne ho avuto la riprova :))))
La prima cosa che ho fatto per crearequesto cuore è stata quella di piegare in due il biglietto e di ritagliarne una striscia seguendo le linee già disegnate...e alla striscia ho fatto un taglietto centrale...

Poi ho preso una treccina di fili di lana, che mi ricordava troppo la mia negazione per l'uncinetto e l'ho fatta passare attraverso un taglietto fatto giusto  nella metà della scriscia...piegata in due...
 Ho raccolto la striscia in modo da farla diventare un cuore... e l'ho cucita assieme alla treccina...con un punto di pinzatrice...ed ecco il risultato piacevole :))) almeno per me

E' una decorazione che si crea facilmente, che potete usare anche a Natale magari usando o lana rossa o un nastrino rosso...o a San valentino...o semplicemente quando come me volete  ricordarvi di una giornata speciale

lunedì 24 ottobre 2011

Gioco in evoluzione


Alessandro è entrato ufficialmente nella fase del gioco simbolico
 utilizza schemi familiari  e già ritualizzati  e arricchisce il tutto raccontandosi, parlando ...commentando i suoi giochi!
Usa frasi e parole di senso compiuto che mi sorprendono...
Lui è un gran ascoltatore...assimila elabora in silenzio frasi e parole e quando meno te lo aspetti...le piazza nei buchi giusti...
Vedere questo processo mentale applicato dal proprio figlio fa un gran effetto....
Il suo è ancora un gioco solitario... 
Alessandro è ancora molto egocentrico...
ma sa , al momento giusto, coinvolgere altri giocatori...sa creare la situazione e sa già "scherzare".
L'altro giorno ero nella mia camera...lui dal piano inferiore mi chiamava,...
poi mi ha vista scendere....
dopo qualche minuto, consapevole che io ero dietro di lui ha fatto una scenetta, si è messo davanti alle scale e mi ha chiamata..... poi si è voltato
ha fatto la faccia sorpresa e ha detto
"oh ecco qui mamma" 

^_^ 
--
Sara

venerdì 21 ottobre 2011

Qualche ora come Sara solo Sara

Domani saro' solo Sara
anche se l'ombra di Ale mi seguirà! :P
Visto che devo preparargli comunque i vestiti per domani...e le varie cose vitali...che un papà da solo generalmente non sa trovare!
Pero' non usciro' con le mani piene di bibe, ciucci dell'ultimora, merendine e il pannolino nella borsa...
Alla fine della fiera per essere una brava mamma ogni tanto bisogna ritrovare la propria individualità...
Tuttti prima di essere mamme o papà eravamo solo...Sara o Marco o Anna...
è che ogni tanto ce ne dimentichiamo!







--

giovedì 20 ottobre 2011

Plagiocefalia posturale

Durante i suoi primi mesi di vita Alessandro ha amato molto dormire girando la testa sempre sullo stesso lato...
Anche quando provavo a cambiare la sua posizione ...ritornava a ruotare la testa e a dormire come meglio credeva...
Durante un bilancio ,il mio pediatra molto scrupoloso prima che io glielo dicessi ha notato che la testa di Ale stava prendendo "una brutta piega"
Cosi...prima mi ha spiegato a voce come comportarmi e poi mi ha consegnato un prezioso opuscolo da lui scritto,chiaro e  ben fatto... lo consiglio alle neo mamme o alle mamme già navigate affichè lo divulghino alle future panzone!
Grazie ad alcuni accorgimenti e ad un cuscino speciale (usato dal sesto mese) che"costringeva" ma senza forzature Ale a dormire sul fianco, che agiva quindi sul suo tronco anzichè sulla sua testa...ora la sua testolina non è ne schiacchia da un lato ne piatta dietro...
 Scrivo questo post informativo perchè mi sono resa conto  che io sono stata fortunata, ho trovato un pediatra scrupoloso ma non per tutti è cosi'.
Le informazioni specifiche le potete trovare in questa sua pagina che si chiama
 "Dormiamo sulla schiena , giochiamo sulla pancia"
per scaricare l'opuscolo dovete registrarvi...



Per questo post dovete ringraziare il mio status di disoccupata che mi regala molto tempo da sfruttare al meglio :P (come ad esempio riodinare cassetti e scovare opuscoli interessanti)

mercoledì 19 ottobre 2011

Riciclo veloce della carta da forno


C'era una volta un piccolo pezzo di carta da forno sperduto...troppo piccolo per una teglia, troppo grande per non essere considerato...
che correva il rischio di essere dimenticato chissà dove e poi magari buttato...ma forse anche no!
Alla luce di tutto ciò, visto e considerato che, anche i ragnetti sulla mia finestra si sentivano un pò soli ho pensato bene.. di rendere le loro giornate meno solitarie procurandogli un amichetto... 
Fu cosi che ...il pezzo di carta a forno sperduto in un battibaleno si trasformò nel fantasma del forno! :P


Io ho ritagliato questo fantasma in due secondi a mano libera...e si vede :)
Poi con la penna ho marcato occhi , bocca e pieghe...
ma la penna era troppo sottile e cosi ci sono ripassata sopra con un pennarello nero normale che...è stato un pò assorbito dalla carta...
Mi piace questa idea della finestra che si allestisce in itinere :))))




martedì 18 ottobre 2011

Io non voglio crescere un uomo già arreso in partenza...

Oggi complice una notte insonne, ci siamo svegliati tardi e di conseguenza  Ale non è andato al nido.
In tarda mattinata ho inforcato il passeggino e ne ho approfittato per portarlo a fare due passi e al parco...portando cosi beneficio ad entrambi...
Il parco in questione è ancora in fase di messa a punto...
Dopo tanto tempo il comune ha finalmente messo in appalto la gestione del verde pubblico portando delle migliorie sopratutto nei vari parchi e parchetti... (anche al nido infatti hanno messo qualche gioco)
Da tempo ci chiedevamo infatti perchè questo cosi grande e centrale fosse lasciato in balia del degrado e delle badanti (che per carità se non fanno casino per me ci possono stare!)
Una volta sceso dal passeggino Ale si è subito messo alla prova con uno scivolo ...e io con la mia pazienza...
Vicino allo scivolo c'era una lattina vuota ,schiacciata e abbandonata...
Avete presente il tipico gesto di chi finisce di bere, schiaccia una lattina e la abbandona??? Ecco...
Ho cominciato a parlare con Ale spiegandogli che è maleducazione buttare le cose a terra... che esistono i bidoni e in questo parco ce ne sono anche di nuovi...
La maleducazione per me non ha etnia o età...quindi non me la voglio prendere con le badanti, con gli idiani che passano di li, piuttosto che con il 15enne brufoloso...perchè ci sono anche giovani mamme villane...
Me la prendo proprio con i maleducati e con chi non li riprende e con chi non insegna ai propri figli cos'è la cività!
Al parco ho incontrato una mamma che mi ha detto "e chissà quanto dura sto parco" e io le ho risposto "cerchiamo di farlo durare" , segnaliamo anomalie, se di sera facciamo un giro in auto passiamo anche di qua (questo parco ha un bar vicino ma penso che il bar se ne freghi del parco)buttiamo un occhio e nel caso chiamiamo i vigili! Insegniamo ai nostri figli a rispettarlo...
Lo so, è poco, lo so per tanti puo' essere inutile , ma perché arrenderci?
Io voglio insegnare a mio figlio ad essere corretto e a ad avere a cuore quello che gli appartiene anche fuori dalle mura domestiche...
Perché il parco lo usa e è anche suo...
Perché la strada che ci accompagna da casa al parco è anche sua...
eppure...è piena di pattume nonostante ci sia la raccolta porta a porta....
pattume che la gente si prende la briga di portare da casa...
o che segnala il fatto che di notte qualcuno si ferma li a bere e a bivaccare di nascosto ( questo non mi conforta tra l'altro...visto che è vicino a casa mia)..o a gettare calcinacci....
Oggi ho scattato delle foto in merito, le ho condivise su una pagina del paese su FB e le ho mandate ai vigili...
Un ragazzino  che partecipa a questa pagina mi ha scritto ....mi ha scritto che anche davanti a casa sua c'è molto pattume, che incendiano la pineta e che tanto è inutile parlane nessuno fa niente...
Questo ragazzino 17 enne è già arreso
e i suoi genitori??? Perché non lo supportano, perché non lo esortano a credere che si puo' comunque fare qualcosa????Io ci ho provato...servirà? Non so...ma io mi ripeto ci ho provato!
Non mi arrendo di fronte alla collega buzzurra che ancora butta la bottiglia di plastica nel secco per pigrizia, come non accetto i mozziconi di sigaretta nel mio giardino incolto!!!!
Non voglio togliere la speranza a mio figlio, non voglio fargli già credere che vivrà nell'immondizia
Voglio trasmettergli il mio amore per il riciclo, per l'ecologia, per il non sprecare le cose...
Cosa posso io fare come mamma per crescere un figlio rispettoso dell'ambiente? Un figlio che comuque quando è nato già si faceva la differenziata???
Come posso far capire ai piu' che i rifiuti che disperdono oggi se li ritroveranno i figli dei nostri figli domani.???
Perché il rispetto non è piu' di moda???
Aiutatemi a capirlo!
Grazie


domenica 16 ottobre 2011

Seconda giornata fshd






image001.gifIl 22 ottobre a modena si terrà la seconda giornata  che tratterà l'argomento 
della Distrofia facio-scapolo-omerale 
Ho avuto la possibilità di conoscere la dott. Rossella Tupler è ho avuto modo di veder nascere a modo mio questa manifestazione...
Ho a cuore questo evento perchè mio papà è affetto da questa malattia, mio fratello nei suoi geni ha un valore border line e molto probabilmente anche io..
Perchè molti non la conoscono, perchè le cause sono ancora in fase di studio...perchè come  per ogni malattia bisogna parlarne.




--
Sara

venerdì 14 ottobre 2011

Il materiale di recupero , la mia personale esperienza in merito

Il materiale di recupero è spesso adottato nei nidi per tanti motivi
.e' economico
.e' versatile
.è insolito  (anche se ormai molte mamme "internettiane" comunque ne fanno largo uso anche tra le mura domestiche)
.e' ecocompatibile
.è un'alternativa
Che sia facile da reperire non è sempre vero...
Rileggendo qualche vecchio post è scattata in me una riflessione, mi sono resa conto che il materiale di recupero è usato comunque da parecchio tempo e sempre in modi diversi...
Il materiale piu' comune è la carta, perchè ritagli piuttosto che giornali piuttosto che carta da regalo riciclata son sempre comparsi negli asili...
Poi le stoffe,
i cartonati (basti pensare quanti lenzuolini di carta vengono usati nei nidi e al fatto questi siano avvolti  attorno a solidi tubi di cartone)
Le plastiche : contenitori, bottiglie, vachette....
Questi sono materiali che vedevo solitamente circolare negli asili quando ero alle prime armi, quando in città come  Padova  già 8/9 anni fa facevano la differenziata di tutto punto, quando non c'era ancora questa moda dei materiali naturali.... poi il tempo è passato e si è andati  via via sempre alla ricerca di materiali piu' particolari come i materiali naturali ....legnetti, pigne, conchiglie, foglie...Metalli ....come chiavi, scatole di latta...
Il materiale di recupero è infinito....ci vuole fantasia....e lo si puo' organizzare in svariati modi..
Proprio ieri scrivevo un messaggio ad una mia collega che non ha molta esperienza alle spalle, dicendole che avevo preparato il sacco per il gioco euristico...e le avevo lasciato alcuni link in merito da guardare...
In uno di questi link c'era la foto di un bambino che giocava con i coni di plastica...
La sua domanda è giunta spontanea... "come mai noi i coni li usiamo nell'angolo della costruttività???"

Perchè il materiale di recupero svolge la funzione che gli vuoi attribuire...
Alcuni esempi :
Le sacche colorate: In un nido dove lavoravo campeggiavano appese al muro 4 sacche....una conteneva contenitori vari i plastica molti con coperchi annessi,  una tubi cartonati, una spugne di tutti i tipi...
(e una mollette) queste sacche prese o singolarmente o a due alla volta erano usate per il gioco euristico.
In un altro nido la sacca dell'euristico conteneva  tanti materiali diversi ...
catenelle
chiavi
scatole di latta
mollette
contenitori...

Ricordo poi con piacere (che veniva meno quando era ora di raccogliere) un carinissimo angolo in una sezione lattanti dove su di un mobiletto erano appoggiati tanti contenitori tutti uguali tipo ikea e dentro ad ognuno di questi c'era qualcosa ...in uno solo grossi e larghi elastici, in uno solo chiavi, in uno solo catenelle, ecc ecc
Ho visto molti bambini divertisti con i tappi delle conserve che una mia collega riciclava
oppure con tanti gallegiati regalati da un negozio in chiusura...

Poi sono approdata nel nido che ora è il nido di Ale...
e i coni...che da una parte erano un gioco assestante ... qui me li ritrovavo nell'angolo della costruttività...
assieme ai mattoni in legno, assieme ai lego, assieme a tutto quello che si poteva impilare e fare cadere...
Come ad esempio ...i cilindri vuoti delle ricariche del sangenic... (ve l'ho detto che ci vuole fantasia)--
O ai tappi dei vari flaconi di ammorbidente....
Il resto del materiale è in atelier...
Il nido di Ale che è anche il nido nel quale ho lavorato fino a venerdi scorso fa parte del bacino di una cooperativa di reggio emilia che ha trovato poco terreno fertile nelle mentalità dei genitori del mio paese...(e non hanno tutti i torti...il materiale di recupero deve essere una variante non l'unica cosa accessibile perchè non si voglio spendere soldi...chiusa parentesi)
L'atelier è frutto di ricerche spesso delle educatrici...che abitando un pò lontane da Remida  e si devono arrangiare...
Nell'aterier attualmente albergano :
l'angolo delle plastiche che ospita....plastiche da imballaggio, coni di plastica, cavi vari elettrici in disuso, retine, tappi, oggetti strani...come tubi da elettricista, imballo delle uova, capsule delle uova di Pasqua, custodie di occhiali e di orologi...
l'angolo della carta : carta odulata, tubi di cartone, carta tritata, cartonati, scatole di carta,
l'angolo dei materiali naturali : legnetti raccolti al mare, conchiglie, cilindri di legno, foglie, pigne...sacchi di juta....sassi di tutti i tipi e grandezze
oltre all'angolo della luce e a quello dei colori...
Spesso il materiale di recupero usato è frutto dell'esperienza e della vita quotidiana di ogni educatrice...
La mia collega con la figlia nesquik dipendente ha collezionato scatole su scatole che sono state spesso e tutt'ora usate dai bambini in tante maniere...
Io amante delle carote e delle insalatine miste...ho portato molti contenitori trasparenti ultili per i travasi o per l'uso delle tempere...
Ho portato molta cavistica strana ed innocua che altrimenti sarebbe finita all'ecogest...
Molte stoffe... e molto altro...


Alla fine pero'...di tutta questa riflessione, una cosa non riesco a togliermi dalla testa...
Il materiale di recupero non deve essere usato come scusa...
deve essere un'alternativa, puo' essere anche predominante....ma i bambini hanno anche bisogno di altro.
Io sono favorevole con il togliere dagli asili le plastiche, nel senso pero' di non presentare ai bambini gli stessi giochi  rumorosi e colorati che hanno a casa (anche se spesso non si hanno alternative, perchè gira e rigira ai nidi li regalano e spesso i giochi in dotazione son pochi) ma non concordo con il fatto del privarli di giochi  ad incastro solo perchè di plastica...
Si fa presto a parlare di giochi in legno...
io negli asili dove ho lavorato ho sempre visto solo quelli ikea perchè ecomici, ma anche ikea ha poche risorse in merito...
i giochi belli in legno naturale esistono e costano costano tanto...e il materiale di recupero non può sempre sopperire a questo...ma sicuramente è una risorsa preziosa...
Purtroppo pero' le realtà come remida solo davvero poche....




giovedì 13 ottobre 2011

Il ragnetto dove lo metto...beh sulla finestra no???

Io non amo "Aulin"...è una moda che non mi fa ne caldo e ne  freddo... l'unica cosa a cui sto attenta è quella di avere qualche dolcetto in casa se passano dei bambini!!!
Pero'...quando mammafelice chiama... fatico a non rispondere...
Cosi' ho pensato ad una cosa facile da realizzare e di effetto...
Ossia dei bei ragnetti per allestire le finestre... (ho fatto anche le zucche ma il risultato è stato pessimo)
Per farli ho ultilizzato del colore per vetro attacca e stacca... arancio e una busta posta documenti trasparente come base
Sono facilissimi da fare, un pò meno se li devi fotografare mentre li fai...^_^
Basta abbondare con il colore altrimenti la struttura una volta secca  risulta essere troppo sottile per essere staccata
Una volta finito il corpo con il bianco poi ho fatto gli occhietti ai ragnetti

Per l'asciugatura non abbiate fretta aspettate un giorno intero e staccale le vostre creature solo quando avete ben chiaro dove attaccarle...perchè le zampette sottili potrebbero rompersi...
e sopratutto se volete che la visione di insieme sia piu' bella se vista da dentro o da fuori!!! Io li ho attaccati all'esterno affinchè gli occhietti siano ben visibili da fuori.
Per creare una sorta di ragnatela con lo stesso procedimento...ho usato la vinavil!!!
Per chi ama decorare appieno tutta la finestra con altri colori puo' sempre creare tutte le decorazioni che desidera :) Facile e abbastanza economico!

mercoledì 12 ottobre 2011


Alessandro che riabbraccia forte il suo papà dopo due settimane e che in contemporanea mi declassa a genitore non piu' indispensabile....
Il suo farmi le pernacchie sulla pancia
il  suo lunguaggio ormai cosi completo
il suo entrare al nido saltellando felice e sereno!!!!

Ecco queste sono le piccole gioie di cui mi son nutrita nelle ultime ore....
--
Sara

lunedì 10 ottobre 2011

Quando il mestiere si incarna

Al nido, un collega di L, quindi abituato ad un certo gergo menageriale, chiede alla mia (ex) collega riferendosi a suo a figlio...

"come si interfaccia con gli altri bambini???"

se lo avesse chiesto a me gli avrei proposto di unirsi a noi nel meeting del mattino e di valutare lui stesso :P

--
Sara

domenica 9 ottobre 2011

Aneddoti





Abientamenti...
In questi giorni...il menage del nido è ancora in rodaggio! Qualche bambino da inserire...qualche dinamica da perfezionare...
E' tutto un gioco di incastri...
di soluzioni da trovare per far si che tutto sia il piu' tranquillo possibile...
si cercano strategie, si pensano attività, si gestiscono momenti difficili....
Si danno anche orari abbastanza precisi alle mamme dei nuovi inseriti per riuscire a rendere la giornata piu' adeguata possibile, per poter garantire il benessere dei bambini sempre...
La mia collega aveva detto ad una mamma di presentarsi alle 10.oo
e un motivo c'era, lei nn lo sapeva, ma c'era...e cmq sia non le aveva detto ne "intorno ale dieci" bensi' "tra tre quarti d'ora"...
Dalle dieci alle undici la stanza da pranzo si sarebbe trasformata in laboratorio di manipolazione per un piccolo gruppo per garantire un minimo di tranquillità per tutti e sopratutto per una bambina in difficoltà...
Alle 11.00 la stanza tornava ad essere per magia la sala da pranzo...quindi i tempi erano stretti come sempre
A che ora è arrivata la mamma??? 10.20!!! Motivazioni??? "eheheh saiii"...
per non iniziare l'attività per poi lasciarla a metà per gestire quindi si è ritardato tutto!
In piu' questa mamma si è soffermata troppo nel salone con il bambino,scambiandolo per un parco giochi!

Non è questione di pignoleria
non è questione di non essere elastiche... ma non tutti lo capiscono!
Non capiscono che l'equilibrio tutto, di 23 bambini , è fragile e basta poco per romperlo!

-- 


20 Settembre 2011
V ha due anni, è nata una settimana dopo di Ale, V. è nata sorda...
Da Gennaio le è stato impiantato l'apparecchio acustico, da due settimane viene al nido...
V ha bisogno piu' di altri perchè non parla..è fragile e un pò spaurita....ma al nido oltre alle educatrici (per tre settimane io compresa) ha un supporto di 9 ore settimanali! Cosa sono 9 ore??? un ....niente...



Il tempo passa... 27

Caro Ale amorino mio
sono ancora qui che conto i mesi...come se tu fossi un lattante...
ma in realtà sul fasciatoio non ci stai piu'.
Cresci fin troppo in fretta come tutti  i bambini della tua età...
e ogni giorno il tuo bagaglio diventa piu' ricco e godibile...
Sei imprevedibile e terribilmente buffo...se oggi pomeriggio ti sei fatto l'aereosol da solo in tutta serenità quasi dispiacendoti del fatto che sia finito,
 sta sera mi hai intimato di spegnere la macchinetta infernale...e non l'hai fatto nemmeno sotto tortura....
Ogni giorno mi godo i tuoi abbracci , le tue coccole , il tuo aggrapparti a me consapevole del fatto che presto tutto questo mi verrà a mancare
perchè ti vergognerai di baciarmi o abbracciarmi
............Ho tanti pensieri per la testa, tanti sorrisi, tanti momenti nei quali mi hai sorpreso
tanti momenti nei quali mi hai sfiancata e annientata
Ancora oggi quando ti guardo fatico a credere che tu sia figlio mio, fatico a credere di essere cosi fortunata ad averti....
Adoro la tua voce paperosa, le tue faccie buffe...i tuoi suoni onomatopeici...
ii tuo repentino cambio d'umore....nel bene e nel male....
Sto pensando che, come ogni bambino, ti meriti il meglio ti meriti di crescere in un paese in cui valga la pena di vivere...
Io e il papà ci stiamo pensando sai?
Nel mentre tu goditi questo anno di nido... cerca di decierti a togliere il pannolo... e se ti va...mangia qualcosa che esuli dalla pasta con l'olio!

Buon complimese amore mio.....
Mamma

--
Sara

sabato 8 ottobre 2011

Supporto ricicloso per la manipolazione

Ai bambini, sopratutto a quelli che non hanno paura di sporcarsi piace manipolare...la pasta di pane, il dido', la pasta modellabile fatta in casa ecc ecc....
O perchè no, anche il Das ...in questo caso quello rosso...che si secca all'aria.... e che lascia le mani belle colorate...
Non lo propongo mai come prima esperienza, perchè va un pò manipolato, perchè cmq sporca un pò....
pero'ai bambini piace molto perchè lascia il segno :P
Solitamente è un'esperienza che propongo ai bambini dai due anni in su.
Ho visto nascere molte torte di compleanno , molte creazioni originali, perchè questo materiale è bello se abbinato ad altri oggetti o ad altro materiale....come....ad esempio...
.pasta corta
.bottoni grandi
.pigne
.sassi
.bastoncini
è un ottimo supporto per favorire la motricità fine, la manipolazione e la fantasia.....

ed è piacevole da decorare...in quest'ultima occasione io ai bambini ho lasciato a disposizione della carta ondulata bianca di recupero (quella che solitamente si trova come imballo nelle confezioni varie)
che è stata un ottimo supporto creativo...e delle pigne...come altro materiale...insolito...
(le creazioni rimaste intatte poi sono state esposte in atelier)

 In questa foto Ale è alle prese con un cutter...di plastica :) la sua porzione di Das  , uno stampino e tanto impegno

Questa frase rispecchia appieno il mio personale pensiero educativo

.....e la conivido con voi...


Lasciate tranquilli quelli che crescono
fate posto perchè vivano
non gli fate trovare tutto pensato
non gli leggete lo stesso libro
lasciate che scoprano l'amore
e che diano un nome ai loro baci
(P Neruda)

--
Sara

venerdì 7 ottobre 2011

Largo alla fantasia

Questa settimana al nido è arrivata la scorta di prodotti vari....
quindi ho subito intercettato le ausiliarie e le ho pregate di tenermi gli scatoloni e ammetto che
per loro non era una novità...
.....e sta mattina, complice ancora una bella giornata sole....armata di pazienza ho aperto tante finestrelle e varchi negli scatoloni che erano tutti di misura diversa e li ho posizonati qua e la nel solito terrazzino!
In ogni scatolone hanno trovato dimora, animali, macchine, camion elicotteri!
Quindi nel terrazzino c'erano dei gages, delle case per animali e altro...delle piste di decollo....delle tane....
 L'effetto sorpresa cercato e stato ha avuto successo, ogni bambino si è diretto verso uno scatolone e ha interpretato a suo modo la situazione...
Qualcuno ha giustamente stravolto tutta la location inserendosi nello scatolone, come immaginavo, infatti ne sono uscite delle foto troppo belle che aimè non posso mostrarvi, perchè il mio modello usuale era in un'alta sezione e non ha partecipato :)
Qualcuno ha ovviamente litigato....gli scatoloni alla fine della fiera erano ovviamente da buttare ma i bambini si sono divertiti tanto...
Mi piace proporre situazioni ecocompatibili! :) Anche al nido!


--
Sara

lunedì 3 ottobre 2011

"peffavore"

Ho insegnato ad Ale (come faccio con tutti i nani del resto) che se si ha bisogno di qualcosa e lo si chiede cortesemente...è piu' facile che la richiesta sia esaudita....
questa mattina al nido... Ale voleva venire in braccio ma non era in momento e poi diciamocelo...."pesicchia"...
ma come si fa dirgli di no???

"MAMMA...BRACCIO PEFFFFFAVOREEEEE!!!"


^_^




--
Sara

domenica 2 ottobre 2011

un bigliettino veloce

Per accompagnare una piantina e un bacino da donare ai nonni!





--
Sara

Non solo pennelli!

Ieri al nido, per concludere la settimana in bellezza..abbiamo proposto ai bambini le tempere ... creando un piccolo atelier all'aperto...
Abbiamo la fortuna di avere dei terrazzini recintati che ci permettono di godere ancora e appieno di queste giornate soleggiate pur rimanendo comunque sempre all'interno della struttura..
Quando è possibile quindi... si sta tutti all'aperto...
Tavolini, colori, spugne, attrezzi....e bambinini ovviamente...
I colori che abbiamo proposto sono stati scelti ricollegandoci all'attività di manipolazione fatta con le foglie...
abbiamo scelto quindi quei colori che mescolati assieme avrebbero ricreato un pò la stessa atmosfera di una distesa di foglie...
Tra gli attrezzi dati in dotazione c'erano...spugnette...tappi di vari materiali e miruse...e....degli attaccapanni... :P

I bambini amano immergersi nel colore...amano manipolarlo e sentirne la consistenza....io personalmente non amo dare ai bambini pennelli sopratutto ai primi approci...a meno che non ci sia da parte del bambino una forte resistenza ....o la paura di sporcarsi...o ancora meglio un'esplicita richiesta...
Il pennello è un mezzo come un altro...ma non il solo ....e ove possibile è bello fornire ai bambini pennelli di varie larghezze e forme...ma questa volta...oltre ai tappi abbiamo proposto questo attrezzo (tra l'altro economico e di risciclo) speciale.... ossia l'attaccapanni...


Precisamente quello che viene  dato in dotazione con gli slip....e sembra un pettine



E' stato molto interessante vedere come,quasi con naturalezza molti dei bambini hanno preso questa sorta di pettine e lo hanno usato per lasciare delle traccie, dei graffiti, dei segni...come sta facendo nella foto Ale. Prima stende e manipola il colore cogliendo i cambiamenti dello stesso e apprezzandone la consistenza....poi sfiora i segni lasciati dal pettine

E' bello dare fornire ai bambini nuovi mezzi e nuovi strumenti, vedere come li reinventano....
per questo ho in mente altri utensili fai da me...da realizzare...

Il venerdi' delle tempere è stato sicuramente intenso...ed imepagnativo...
mi ha anche messo in cricca con le ausiliarie 
ma ha reso felici i bambini ed è l'unica cosa che per me conta...
vederli alle prese con delle esperienze per loro significative e stimolanti per me è il massimo.....



Il colore è un mezzo di esercitare nell'anima un'influenza diretta. Il colore è un tasto, l'occhio il martelletto che lo colpisce, l'anima lo strumento dalle mille corde. 
 Kandinskj 


Parco Faunistico Valcorba, non chiamatelo Zoo!!!

Una volta amavo scrivere sul blog, scrivevo praticamente ogni giorno, poi Facebook ha rovinato un pò tutto! Volevo provare pero' a scri...